La Bohème Ristorante a Firenze

Il progetto ha riguardato una profonda mutazione dello stato originario, abbandonando lo stereotipo di “antica trattoria” il locale rivive con un design innovativo e su misura privilegiando alcuni elementi architettonici preesistenti, cambiandone matrice e valorizzandoli dal punto di vista formale e dimensionale. Un progetto totalmente su misura con grande attenzione ai dettagli e soluzioni d’arredo coordinato.

L’utilizzo della scala sul fondo della sala grande che collega il livello superiore, questa rampa camuffata con cartongesso leggero, genera in un disegno organico, una nicchia luminosa triangolare in grado di enfatizzare la collocazione della nuova cantina vini, trasformandosi in quinta scenica scelta visibile dall’ingresso del locale. In questo caso la risoluzione di un problema formale ha generato la nascita di uno degli attori principali della scena visiva, un design programmato,  mai lasciato al caso, mai scontato, elaborato e pensato per conseguire una nuova identità stilistica. L’osservazione in loco degli ambienti prima della trasformazione, l’analisi preliminare, in questo lavoro ancor più che in altri, è stata una fase fondamentale per poter immaginare una metamorfosi completa, accattivante e vincente.

Un altro degli elementi caratterizzanti della scena architettonica di questo ristorante è la gigantografia sul fondo della sala piccola, un’immagine elaborata digitalmente e resa ancora più mistica e ben legata al design circostante. Anche quì la scelta della parete da caratterizzare non è lasciata al caso, ma il tutto è stabilito in modo ponderato per definire come orchestrare al meglio gli apparecchi illuminotecnici, i relativi giochi di ombra e di luce .

La cucina è diventata a vista, aprendo un foro nella parete non strutturale, valorizzandone il processo produttivo e la preparazione stellata.

L’area del banco di ingresso è cambiata totalmente, il banco è stato in parte rivestito con nuovo rovere su misura effetto antico, e in parte allungato con nuove attrezzature quali vetrina refrigerata alla stessa altezza con disegno integrato rispetto al banco, oltre nuova postazione cocktail, postazione spine birra, macchine ghiaccio, lava tazzine etc. La scelta del nero lavagna sullo sfondo a contrasto con i gialli del rovere, enfatizza e valorizza gli elementi in aggetto.

Un Design innovativo rappresentato anche dai colori scelti, dalle tappezzerie nuove alle pareti fino a giungere ai motivi decorativi legati all’Urban per uno stile di chiara ispirazione metropolitana ma sempre  dotato di inserti nuovi,per giungere ad un linguaggio moderno, contemporaneo, non il solito stile industriale.

Un locale quello della Bohème dotato di uno stile nuovo, giovanile, contemporaneo e friendly, ma senza rinunciare a quel pizzico di eleganza a cui si è deciso di non rinunciare, per un profilo alto ma anche per eventi enogastronomici importanti in cui il design fa la differenza.

 

error: Content is protected